Gruppo corale Il Labirinto

Via Fornaci, 82 - 25100 Brescia
info@corolabirinto.it / 347 4943631

Home

Nato a Fornaci nel 1971 come Coro Monte Maddalena per sole voci virili, orientato verso la musica popolare, ha riscosso numerosi successi in tutta Italia. Successivamente, col nome di Insieme Corale Fornaci e l’inserimento di voci femminili, ha affrontato lo studio di brani polifonici di epoche e stili differenti, per approdare nel 1989, sotto la direzione del M° Tommaso Ziliani, ad un progetto più organico e allo studio sistematico della teoria musicale e della tecnica vocale con il soprano Gloria Busi. Il progressivo intrecciarsi dei percorsi musicali ha determinato un vero e proprio “Labirinto”. Tra le direzioni possibili, il repertorio si è indirizzato in primo luogo alla polifonia sacra e profana del ’500 e del ’900, per proseguire nello studio di brani di autori bresciani del ‘900, quali Capitanio, Manenti, Margola, Facchinetti, Togni e Tonelli. Ha curato la pubblicazione delle raccolte, nella revisione del M° Ziliani, delle messe, dei mottetti e dei canti sacri di Tonelli per coro e organo (Edizioni Eufonia). Nel 2002 ha indetto un Concorso nazionale di composizione di musica sacra corale, che ha visto la partecipazione di molti compositori riscuotendo l’apprezzamento del pubblico.

Poliedrico per definizione, “Il Labirinto” ha mantenuto sempre viva la sua anima popolare, e proprio da questa è nata la volontà di studiare bardi irlandesi, canzoni spagnole, francesi, sarde e napoletane. Nel corso degli anni, numerose sono state le collaborazioni del coro con strumentisti, cantanti, registi, attori, tra i quali ricordiamo il Quartetto Zelig di Genova, l’organettista pistoiese Riccardo Tesi, il percussionista Massimo Carrano, l’arpista Barbara Da Paré, il pianista Gerardo Chimini, i flautisti Dario Gallina e Samuele Pedergnani, la cantante Gloria Busi, i chitarristi Giorgio Cordini e Alessandro Bono, il violinista Daniele Richiedei, il fisarmonicista Mario Stefano Pietrodarchi, gli attori-registi Mauro Avogadro e Roberto Savoldi, le attrici Paola Bigatto, Viola Costa, Lella Costa e i musicisti dell’ensemble della “Buona Novella”..

Da un’intuizione del M° Ziliani nasce nel 2002 la versione de “La Buona Novella” di Fabrizio De André per coro, strumenti, voce solista, voce recitante e piccola orchestra. In collaborazione con la Parrocchia di S. Agata e Don Luigi Salvetti, è stato preparato ed eseguito nel 2011 lo “Stabat Mater” di Tommaso Traetta, per soli, coro e orchestra d’archi. Il coro ha organizzato inoltre concerti per la Giornata della Memoria, con canti klezmer, yiddish e sefarditi. Tra i numerosi concerti eseguiti da “Il Labirinto”, ricordiamo le esibizioni nella Basilica di S. Pietro ed in Sala Nervi alla presenza del Santo Padre Giovanni Paolo II in occasione del Giubileo 2000, nella Basilica Inferiore di Assisi, presso la Basilica di S. Maria della Salute a Venezia, nella Chiesa di S. Maria dello Splendore di Giulianova (Te) e a Bologna. Nel giugno 2013 importante è stata la collaborazione con l’attrice Lella Costa e il Conservatorio di Parma per l’esecuzione della “Buona Novella” di Fabrizio De André.

Nel 2015 inizia la collaborazione con il compositore argentino Martín Palmeri, con la prima esecuzione assoluta a Brescia, nella Basilica delle Grazie, della Misa a Buenos Aires (Misatango), che lo ha visto partecipare al concerto in veste di pianista;  l’opera verrà eseguita nel maggio 2016 in una tournée abruzzese a Lanciano e Casalbordino, con la partecipazione del Coro polifonico “Hippolito Sabino” di Lanciano e l’Ensemble vocale “Conservatorio di Vibo Valentia” e la direzione dello stesso Palmeri.

Pluriennale è inoltre l’adesione all’Unione Società Corali Italiane (U.S.C.I.) grazie alla quale la corale ha partecipato a numerose rassegne nella provincia bresciana.

Coro è sentirsi strumento della musica e coglierne le armonie in noi stessi e negli altri: questo è lo spirito che guida “Il Labirinto” nella ricerca di un suono pulito, nella miglior resa sonora e, (perché no?) di una musica nuova ad ogni livello.

La musica è vibrazione, percussione, soffio, canto; è non solo risonanza di oggetti e di corpi, ma anche intesa di persone e divertimento per l’anima.

A voi il piacere di viaggiare con noi.